Che cos'è un idrociclone e come funziona?

Gli idrocicloni sono comuni separatori di processi industriali e di fabbricazione utilizzati per rimuovere i solidi dai liquidi di trasporto o per separare liquidi di diversa consistenza. Sono dispositivi semplici ma efficienti senza parti mobili e che richiedono pochissima manutenzione. Comunemente noti come cicloni, questi dispositivi sono generalmente realizzati in acciaio, ceramica o plastica resistente all'abrasione. Gli usi tipici degli idrocicloni sono la rimozione dei contaminanti dalla polpa di carta, la separazione dell'olio dall'acqua, l'estrazione di trucioli metallici dai liquidi di raffreddamento e il recupero dell'amido dalle acque reflue negli impianti di lavorazione delle patate. I cicloni si trovano anche negli impianti di lavorazione del settore minerario per separare i solidi di processo dall'acqua.

Che cos'è un idrociclone e come funziona?

Un idrociclone è un meccanismo di filtro o separatore che utilizza la forza centrifuga per separare i solidi da liquidi o anche liquidi di diversa consistenza. L'idrociclone è costituito da una camera in due parti con un profilo interno che è cilindrico lungo la sua sezione superiore e conico lungo la metà inferiore dotato di un ingresso e due punti di uscita. Quando una sospensione viene pompata nel ciclone, gira intorno all'interno della camera creando una forza centrifuga che fa separare i solidi sospesi dal veicolo liquido. L'acqua filtrata e i solidi quindi escono dall'idrociclone, tipicamente alle estremità opposte. Gli idrocicloni sono ampiamente utilizzati nei settori industriali e manifatturieri e sono adatti per sospensioni ricche di liquidi che trasportano solidi più pesanti del fluido.