Principio fondamentale di una centrifuga per decanter

Il principio fondamentale di una centrifuga per decanter è la sedimentazione accelerata sotto gravità.

Lo schizzo (a) di seguito mostra un semplice serbatoio di sedimentazione con un raschietto a movimento continuo che rimuove i solidi depositati all'estremità sinistra. Il liquido scorre sopra la parte superiore delle lame del raschietto e lascia il serbatoio all'estremità destra. Secondo la legge di Stoke una particella solida all'interno del serbatoio si depositerà ad una velocità che dipende da una varietà di fattori tra cui la densità relativa dei solidi e del liquido, la dimensione della particella e l'accelerazione dovuta alla gravità.

Principio fondamentale di una centrifuga per decanter

Se il serbatoio viene trasformato, come mostrato in (b), in un cilindro conico (c) e il cilindro viene quindi ruotato ad alta velocità attorno alla sua linea centrale, viene prodotta un'elevata forza centrifuga 'G' sul liquido e sui solidi. Questa "G" centrifuga sostituisce l'accelerazione dovuta alla gravità nella Legge di Stoke e provoca una rapida sedimentazione di quelle particelle che sono più dense del liquido. Il raschietto a movimento continuo in (a) è sostituito dall'elica mostrata in (c) che trasporta i solidi dall'estremità conica del cilindro permettendo la separazione continua. Il serbatoio di decantazione originale (a) è stato ora trasformato in una centrifuga di decantazione (c).

Esistono molte varianti di centrifughe di decantazione in uso in un'ampia varietà di applicazioni di processo; tuttavia i principi di base descritti sopra si applicano a tutti i tipi di centrifughe per decanter.